EPISTOLARIO - pag. 103

Padre Pio a padre Agostino
Pietrelcina, 23 febbraio 1915
Mio carissimo padre,
Gesù e Maria vi assistano sempre e diano alla vostra parola la virtù di convertire e di arrestare il corso di tante anime, che corrono sulla strada del precipizio. Così sia.
Ricevo la vostra tanta sospirata lettera e non so cosa più ammirare, se le vostre assicurazioni, riguardanti il mio spirito, oppure la vostra sempre nuova e fiorita carità verso di me. Sempiterne lodi ne siano rese al dolcissimo Gesù, ed a voi i più vivi e cordiali ringraziamenti.
La presente mi permette di farvela pervenire a mezzo di Raffaelina, così avendo disposto il Signore. Mi auguro che vi pervenga a tempo, prima che vi allontaniate di costà.
Scrissi da moltissimi giorni all'Annita e sono preoccupato non poco per non aver avuto da lei sino al presente risposta alcuna. Temo qualche brutto tiro da quel brutto cosaccio. Il mio buon secretario dispone che mi rivolgessi a voi per averne una risposta al riguardo. Forse a far questo vi riuscirà d'incomodo, ma che debbo dire? mi si perdoni e se troppa molestia deve ciò apportarvi, esentatevene pure: egli è tanto buono che non credo che vorrà, per queste contraffazioni, rattristarsi.
Confortate quella buona figliuola, ravvivate in lei sempre più il desiderio di maggior perfezione e rassicuratela a nulla temere da parte del nemico, chè ne rimmarrà sempre confuso.
Il divin maestro vi dia intelligenza del mio vero stato attuale. Desso fa compassione a me steso. Basterà, padre mio, l'intera mia vita a ringraziare la bontà del Padre celeste per i tanti continui e singolarissimi favori che concede a chi pur continuamente l'offende?! Sia mai sempre benedetto questo nostro buon Dio, che non sa usare altra punizione con questa povera anima, se non quella di una sempre crescente indigestione di spirituali consolazioni.
A voce tante altre belle cose. Venite presto ed intanto beneditemi.
Fra Pio
(Epist. I, 535)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 103 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200