EPISTOLARIO - pag. 110

Padre Pio a padre Agostino
Pietrelcina, 15 aprile 1915
Mio carissimo padre,
lo Spirito Santo vi riempia dei suoi santissimi doni e vi faccia provare anticipatamente i gaudi dei beati comprensori. Così sia.
Ricevei ambedue le voste lettere, quelle del giovedì santo cioè e quella del 10 corrente e vi ringrazio vivamente della sempre nuova crescente carità verso questo vostro indegno figliuolo. Riuscirete a convertirmi sinceramente a Gesù? ci ho tutta la buona volontà, ma ahimè! alla prova mi sembra assai poco di amare.
E' questa una delle più acute spine che nell'ora presente mi trafigge in modo da ridurmi in agonia. Che significa tutto questo? forse il Signore non vuole più farsi amare da me? E se questo non è vero, perchè il desiderio di amare Iddio supera di molto il fatto stesso di amarlo? perchè Iddio che è si buono colle sue creature, ricusa di farsi amare quando l'anima ne desidera?
Deh, ditemi, per carità, perchè l'anima più sente il desiderio di amare e nonostante gli sforzi che ella fa di amare quanto ella desidera, sente in se stessa farsi un vuoto tale quasi che ella non mai avesse amato?
Or ditemi, senza umani riguardi, o padre mio, non è desso propriamente un segno assai manifesto che l'anima mia è priva di amore per il suo Dio? Per amor del cielo, ditemi e ditemi tutto, senza nulla nascondermi! Morrò io, dunque, senza aver amato mai il mio Dio? o senza averlo amato quanto io il desidero?
Tutto questo mi fa piangere dì e notte come un bambino ed il più delle volte senza neanche volerlo. Se mi conoscete, come io stimo, essere l'anima mia priva d'amore celeste, usatemi ancora la carità di tutto farmi intendere e tutto indicarmi cosa debbo fare per amare il nostro Iddio.
Non mi negate la vostra carità collo scrivermi assai spesso e molto a lungo; fate ancora tutto anche allorquando non vi vedete risposto da me; voi sapete il tutto: non sempre è in mio potere lo scrivervi quando e come voglio, e quello che io voglio. Pazienza abbiate per un altro po' con questo vostro figliuolo: se egli non saprà corrispondere alle finezze del vostro paterno amore non è a meravigliarsi: non sa corrispondere neanche all'amore del Padre celeste.
Arrivederci, o padre, nel bel mese della bellissima Mamma celeste.
Fra Pio, cappuccino
(Epist. I, 564)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 110 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200