EPISTOLARIO - pag. 12

Fra Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 20 giugno 1910
Carissimo padre,
con mano tremante e con cuore addolorato l'invio la presente, per farle sapere non solo lo stato fisico di mia salute, ma ancora quello dello spirito, che sembrami assai deplorevoli.
Mi dispenso di parlare della mia salute, poichè le continue infermità, che non vogliono lasciarmi, anzichè diminuire la fiducia nella mia madre celeste e nel suo figliuol Gesù per essere presto sciolto dai lacci di questo misero corpo, si accresce sempre più.
Vengo quindi a parlare di ciò che più mi spinge a scrivere la presente. Ascolti, padre mio. Da vari giorni mi sento un continuo turbamento di coscienza per la mia vita passata, spesa così malamente. Ma ciò che in particolare più mi martirizia il cuore e mi affligge oltremodo si è il pensiero di non esser certo di aver confessati tutti i peccati della mia vita passata e quello ancora di averli o no confessati bene. Padre mio, ho bisogno di un aiuto che plachi gli ondeggiamenti del mio spirito poichè, ella mi deve credere, l'è questo un pensiero che mi uccide; non so che partito prendere. Vorrei fare la confessione generale, ma non so se mi farà male o bene. Mi aiuti, o padre, non mi abbandoni per amor del nostro caro Gesù! Son disposto a fare tutto ciò che ella mi comunicherà.
Mi sento ancora alle volte tentato a tralasciare la comunione quotidiana, ma per il passato mi sono sempre vinto. Tutto sia a gloria di Gesù. E come poi, padre mio, potrei vivere senza accostarmi a ricevere Gesù anche per una sola mattina?
Intanto non posso comprendere come mai questi timori e sconforti possano sussistere in un cuore che preferisce mille volte la morte anzichè determinarsi a peccare. In queste torture del cuore sento una più grande fiducia in Dio, e sono così pieno di dolore dei miei peccati, che passo momenti di continuo martirio.
Non altro conforto mi rimane in mezzo a questo dolore, che lo direi quasi infinito, se non quello di piangere: conforto e sollievo insieme per me.
Mi benedica, o padre mio, e preghi per me.
Il suo fra Pio

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 12 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200