EPISTOLARIO - pag. 13

Fra Pio a Padre Benedetto
Pietrelcina, 6 luglio 1910
Carissimo padre, da vari giorni un nuovo dolore alla base del polmone sinistro è venuto a tormentarmi. Questa volta forse Gesù farà davvero con me. Questo nuovo dolore è il più acuto fra tutti gli altri. Mi rende impotente a quasi qualunque azione, ed a stento alle volte posso articolare parola. Sia benedetta la mano del nostro caro Gesù, che mi percuote e mi rende degno, contro ogni mio merito, di soffrire qualche cosa per suo amore a soddisfazione di tante mie colpe! Ricevei la sua ultima letterina e fu di grandissimo conforto pel mio spirito così agitato. Ma ahimè, padre mio, che i giorni per me non sono tutti uguali! Una nuova nuvoletta è venuta ad offuscare l'orizzonte dell'anima mia. Una nuova guerra mi va muovendo il principe delle tenebre. Questi, essendo rimasto vinto da una parte per averla ubbidito, confesso certamente non esser mio merito, un'altra battaglia non meno accanita dell'altra mi va facendo. Dietro le innumerevoli tentazioni, alle quali vado soggetto di giorno in giorno, un dubbio da sconvolgermi anche la mente mi rimane: se veramente le ho discacciate. Piango e gemo molto a piè di Gesù sacramento per questo, e molte volte mi par di essere confortato: ma sembra pure alle volte che Gesù si nasconda all'anima mia. La penna è importante a descrivere ciò che passa all'anima mia in quasti momenti di nascondimento di Gesù. L'incertezza di avere o no distaccate le tentazioni, più che mai l'insidiatore maligno la fa sentire nell'accostarmi alla santissima comunione. Sono momenti, padre mio, di grandissima battaglia; ed oh quanta forza che debbo fare per non privarmi di tanto conforto! Ed ella, padre, come la sente intorno a ciò? E' il demone che ciò va suscitando, ovvero sono miei ingaggi questi? Mi dica un pò come debbo comportarmi. Padre mio, le torno a ripetere che preferirei mille volte la morte, anzichè determinarmi ad offendere un Dio sì buono. Farei volentieri una sola volte, ?????se fosse in mia potestà, un fascio di tutte le mie cattive inclinazioni per porgerlo a Gesù, affinchè si degnasse col fuoco del suo amore a tutte consumarle. Mi benedica.

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 13 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200