EPISTOLARIO - pag. 138

Padre Pio a padre Agostino
Pietrelcina, 5 dicembre 1915
Mio carissimo padre,
la grazia di Gesù sia sempre nel vostro cuore e vi faccia sempre più degno per la patria celeste. Così sia.
Con mano tremante vi scrivo questa presente. Sono estremamente sfinito di forza e solo per miracolo mi reggo in gambe per adempiere il mio dovere. Sia benedetto Gesù che così vuol provare la fedeltà dei suoi amanti.
Domani mattina, lunedì, a Dio piacendo, partirò per Napoli, essendo stato assegnato alla 10 compagnia sanitaria.
Spero nel Signore di potervi di là scrivervi al più presto. Intanto non cessate, o padre mio, di importunare il divin Cuore e la Vergine immacolata, affinchè mi esentano finalmente da questa terribile prova, altrimenti partirò per lassù con la doppia spada che mi trafigge il cuore, quale appunto l'è il mio doppio esilio, reso ormai insostenibile.
Voi a quest'ora già sapete come martedì scorso dovei recarmi in distretto, essendo stato chiamato di là con sollecitudine. Per buona fortuna mercoledì a notte fui rimandato di bel nuovo qui fino a sabato. Ieri quindi dovei riprendere la via crucis facendo ritorno a Benevento. Quivi mi venne consegnato il foglio di viaggio e quei signori compassionando il mio tristissimo stato di salute, anzichè farmi partire subito, mi concessero il permesso di farmi ritornare qui per partire lunedì mattina.
Giovedì mattina, due dicembre, nella speranza di potervi riabbracciare e farvi troppe confidenze, spedii un telegramma a Morcone, pregandovi a volervi benignare di fermarvi qui almeno per un poco. Ma Gesù mi negò questa grazia e ne sia benedetto.
Vengo a chiedervi, o padre, un favore: questo sarebbe mi usaste la carità di incominciare al più presto le tre novene alla Vergine di Pompei con la recita giornaliera, durante questo periodo, dell'intiero rosario.
Voi già potete immaginare quale ne sia il fine per cui vengo a chiedervi il suo esposto.
Arrivederci, o padre, dove Iddio vorrà.
Ossequiatemi rispettosamente il padre provinciale ed abbiatemi escusato presso di lui ed intanto beneditemi fortemente.
Fra Pio, cappuccino
Ricevei il tutto da Marcone e vi ringrazio in nome di Gesù.
(Epist. I, 692)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 138 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200