EPISTOLARIO - pag. 139

Padre Pio a padre Agostino
Napoli, 12 dicembre 1915
Mio carissimo padre,
Gesù sia sempre con voi e con tutta l'anime che si sforzano d'amarlo. Così sia.
Come vi scrissi nell'ultima mia, dal giorno 6 corrente, mi trovo qui a Napoli.
Fin dal primo giorno fui costretto a manifestare a questi superiori il desiderio vivissimo di essere visitato perchè mi sentivo assai male. Dio solo sa quello che sto soffrendo; non so se sopravviverò a questa durissima prova. Io non mi reggo in piedi; lo stomaco, come al solito, si va sempre più ostinando a non ritenere cibo alcuno.
Cosa mi avverrà? Il solo cibo che ritiene lo stomaco sono le sacre specie. Sia benedetto Iddio!
In quanto alla visita che chiesi, mi venne accordata il giorno dell'Immacolata. Questa fu fatta dal signor comandante della compagnia, il quale è un semplice tenente. Egli compassionò il mio povero stato e poichè non poteva farmi nulla e forse anche per non assumere responsabilità, mi rimise al signor capitano e questi, essendo occupatissimo, mi sta trasportando di giorno in giorno, e fino al presente non ancora vengo visitato, e chi sa quent'altro tempo se ne passerà.
Voi intanto, o padre, non cessate di raddoppiare le vostre preghiere al Signore, chè voglia usarmi misericordia. Preghiamo sì, perchè il demonio mi sta muovendo una terribile guerra in riguardo. Il cuore mi dice che qui mi succederà come mi successe a Caserta, cioè riconosciuto in prima istanza, nella seconda istanza no.
Sono preparato a tutto ed anelo il momento di uscire da questo carcere. Tengo poi a dirvi che fino al presente non ancora mi vestono con gli abiti militari. Vado a dormire per conto mio all'albergo e così parimenti in quanto al mangiare. In Napoli più che mai non vi è danaro che basti.
Vi prego poi d'inviare la corrispondenza al seguente indirizzo e non già all'ospedale, perchè non so quello che mi avverrà: Via Cappuccinelle, n. 18, presso la sig.ra Maria Vallillo.
Perdonatemi, o padre, se non scrivo a lungo, perchè le forze non mel consentono.
Vi prego poi di ossequiarmi il padre provinciale, e nel mentre che vi chiedo la paterna benedizione mi affermo sempre.
il vostro povero fra Pio
(Epist. I, 695)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 139 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200