EPISTOLARIO - pag. 140

Padre Pio a padre Agostino
Napoli, 17 dicembre 1915
Mio carissimo padre,
Deo gratias. Poc'anzi ho subito la visita collegiale e mi è stato accordato un anno di convalescenza, a causa della riconosciuta malattia: infiltrazione ai polmoni.
Quanto è buono il Signore e ringraziatelo anche voi con tutte l'anime amanti di Gesù.
Sono sfinito di forze, perdonatemi quindi se scrivo molto brevemente.
Ieri appunto ricevei la vostra lettera e la benedizione vostra unita a quella del padre provinciale e mi confortarono alquanto.
Con stima vi abbraccio cordialmente. Scrivetemi a lungo a Pietrelcina.
Fra Pio, cappuccino.
(Epist. I, 699)

Padre Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 20 dicembre 1915
Mio carissimo padre,
la divina grazia sorregga sempre il vostro spirito e vi aiuti ad adempiere il santo volere, a salvezza vostra e delle altrui anime. Così sia.
L'altra sera giunsi da Napoli e Dio sa in quale stato. Tralascio di tener parola intorno a quest'altro mio lunghissimo ed assai duro tirocinio, ben conoscendo come il padre lettore vi abbia posto al corrente di tutto.
Solo voglio pregarvi di rendere grazie al Signore per non aver abbandonato il suo servo in questa prova durissima e di non aver permesso che il nemico toccasse lo spirito. E sia detto a gloria di Dio di aver ricavato più frutto nello spirito da questa prova che più non avrei ricavato se avessi praticato un corso di santi esercizi spirituali. Sia benedetto Iddio, che solo sa operare cose grandi!
Ma un'altra grazia io mi aspetto dalla bontà del Padre celeste; grazia che vi sta a cuore al parlar di me. Intanto aiutatemi presso il Signore con le vostre preghiere. Astretto da forzata necessità, pongo termine a questa mia presente nell'augurarvi felicissime nel Signore le feste del celeste Bambino.
Piaccia a questo Dio incarnato rendere esauditi tutti i miei voti che a lui continuamente fo per voi.
Non vogliate, padre, sdegnare il benedire in tutti i momenti chi si dice sempre vostro affezionatissimo figlio,
fra Pio, cappuccino.
(Epist. I, 700)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 140 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200