EPISTOLARIO - pag. 144

Padre Pio a padre Agostino
Pietrelcina, 3 febbraio 1916
Carissimo padre,
Gesù con voi sempre!
Rispondo con sollecitudine alla vostra ricevuta poc'anzi.
Lascio immaginare a voi la vivissima impressione, che questa vostra mi cagiona per le notizie che mi dà, sebbene da un pezzo mi ci andavo preparando.
Sono poi superlativamente spiacente non potere pel momento assecondare il piissimo desiderio di quella povera anima, che sarebbe anche mio, quantunque ignoro gl'isperati effetti. Agli altri malanni si è aggiunta anche una ben forte influenza, che mi rende a tutto incapace; ma poichè come voi mi dite che a voi sembra che Gesù voglia una tale visita a detta anima, mi auguro da Gesù che appena mi farà sentire un tantino meglio, mi ci recherò, facendomi posibilmente accompagnare da qualcuno e così eviterei a voi un non lieve imbarazzo.
Che ne dite? l'approvate?
Del resto questo parmi essere la migliore maniera di poter effettuare un tal viaggio, tenendo presente ancora l'incostanza della salute, che muta da un momento all'altro, nonchè la pessima stagione.
Vi abbraccio e vi bacio la mano e con la solita stima vi ossequio, essendo sempre,
il vostro affezionatissimo figlio fra Pio.
(Epist. I, 732)

* * * * *

Padre Pio a padre Agostino
Pietrelcina, 8 febbraio 1916
Mio carissimo padre lettore,
Deus nos adiuvet!
Si va un tantino meglio. Col migliore augurio dell'animo che il Signore voglia per un po' rallentare la sua mano, vi notifico che sono in tutto a vostra disposizione per ciò che riguarda quel viaggio. A voi quindi ne lascio la scelta per la designazione del giorno e dell'ora.
Disponete tutto come il Signore vuole, solo vi prego di tener presente che pel dì festivo devo trovarmi qui per la messa, essendo per questo assolutamente necessrio.
Tante belle cose a voce, anche per quelle anime che sono a voi unite in un medesimo spirito.
Vi saluto nel bacio santo del signore.
Fra Pio, cappuccino.
(Epist. I, 732)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 144 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200