EPISTOLARIO - pag. 15

Fra Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 17 agosto 1910
Mio carissimo padre,
per vari giorni sono stato un pò più male; forse la causa principale di ciò ne è stata la troppa commozione a cui lo spirito a questi giorni è andato soggetto.
Eccone anche la cagione che mi ha impedito di scriverle prima di ora, come era mio dovere.
Ricevei poi la partecipazione e non ho parole per poterla ringraziare, come ella merita, di tanta squisita carità. Il mio cuore è traboccante di gioia e si sente sempre più forte ad incontrare qualunque afflizione, qualora si tratta di piacere a Gesù.
E' anche vero però che il demonio non può darsi requie per farmi perdere la pace dell'anima e scemare in me quella tanta fiducia, che ho nella divina misericordia. E ciò principalmente si sforza di ottenerlo a mezzo delle continue tentazioni contro la santa purità, che va suscitando nella mia immaginazione ed alle volte anche al semplice sguardo delle cose non dico sante, ma almeno indifferenti.
Di tutto ciò me ne rido come cose da non curarsi, seguendo il suo consiglio. Solo però mi addolora, in certi momenti, di non esser certo se al primo assalto del nemico fui pronto a far resistenza. Certo che ad esaminarmi presentemente preferirei la morte prima di deliberarmi ed offendere il mio caro Gesù con un solo peccato, benchè lieve.
Mi dica un po' come debbo comportarmi intorno a ciò e ne sia sicuro, che coll'aiuto di Dio, le prometto di essergliene grato.
Avrei, infine, bisogno di un calendario e ciò solamente per vedere in quali giorni non si può dire la messa votiva dell'Immacolata nel sabato e quali commemorazioni debbono dirsi in detta messa.
Preghi per me e mi benedica.
Il suo povero fra Pio

* * * * *

Fra Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 4 settembre 1910
Mio carissimo padre,
per volere di Dio, continuo tuttora a sentirmi sempre male in salute. Ma ciò che più mi martirizia sono quei forti ed acuti dolori, al torace. In certi momenti mi danno una noia tanto grossa, che sembrami che vogliano proprio spezzarsi la schiena ed il petto. Però Gesù non lascia di tratto in tratto di raddolcire le mie sofferenze in altro modo, cioè col parlarmi al cuore. Oh si, padre mio, quanto è buono Gesù con me! Oh che preziosi momenti sono questi; è una felicità che non so a che paragonarla; è una felicità che quasi solo nelle afflizioni il Signore mi da a Gustare.
In questi momenti, più che mai, nel mondo tutto mi annoia e mi pesa, niente desidero, fuorchè amare e soffrire. Sì, padre mio, anche in mezzo a tante sofferenze, sono felice perchè sembrami di sentire il mio cuore palpitare con quello di Gesù. Ora s'immagini quanta consolazione deve infondere in un cuore il sapere di possedere, quasi con certezza, Gesù.
E' vero che le tentazioni a cui vado soggetto sono assaissime, ma confido nella divina provvidenza di non cadere nei lacci dell'insidiatore. E' anche vero che Gesù spesso si nasconde, ma che importa, io cercherò col suo aiuto di stargli sempre intorno, avendomi lei assicurato che non sono abbandoni, ma scherzi di amore.
Oh! quanto bramerei in questi momenti aver qualcuno che mi aiutasse a temperare le ansietà e le fiamme da cui il mio cuore è agitato in questi momenti.
Mi faccia la carità di rispondermi se vuole e se non le dispiace mi tenga accertato della verità di quanto fin qui le ho esposto.
Mi raccomando al Signore e mi benedica
Il suo fra Pio
Saluto, ringrazio ed auguro tante cose belle al padre lettore Agostino per il tanto bene fattomi.

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 15 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200