EPISTOLARIO - pag. 156

Padre Pio a padre Benedetto
Foggia, 26 agosto 1916
Mio carissimo padre,
la grazia di Gesù sia sempre nel vostro cuore e vi dia la forza per sopportare le prove cui egli vi sottopone!
Poche parole questa volta non perchè non ne sentissi il bisogno, ma sibbene perchè non riesco affatto a coordinare le idee. Mi sento male fisicamente e moralmente. Nessun conforto scende più nel mio cuore e la tempesta cresce d'intensità.
Opero solamente per ubbidirvi, avendomi fatto conoscere il buon Dio essere questa l'unica cosa a lui più accetta e per me unico mezzo di sperar salute e cantar vittoria. Ma, padre mio, che contrasto sento anche in questo. Non sento, è vero, in me il contrasto di ribellarmi a chi mi dirige, ma esperimento intanto una certa preoccupazione, che mi fa sentire male.
Breve: l'ubbidienza costituisce tutto per me e nessuno conforto io provo nel sottopormi all'ubbidienza. Dio mi guardi, se dovessi ad occhi aperti menomamente contravvenire a chi mi è stato assegnato per giudice esterno ed interno, eppure come va che sono pieno di timori su questo punto? Ditemelo, per carità, come dovrò in questo regolarmi?
Quando poi il Signore vorrà rimuovere completamente da voi la croce a cui egli vi ha sottoposto? Io prego sempre per questo fine. Rinnovo di continuo la offerta a Gesù fatta per voi. Che debbo fare di più? Offritemi voi istesso a Gesù, perchè possa farvi felice.
Voi non dovete intanto ritirarvi dal farlo pensando alla mia debolezza. Gesù mi aiuterà! Oltre il sacrifizio già, e che sempre rinnovo, sono qui pronto, prontissimo di farne altri cento ed i più dolorosi.
Il padre Isaia è già qui; attendo da voi il rinnovamento dell'ubbidienza per potermi recare a San Giovanni.
Quell'anima di Morra Irpino mi ha già scritto a fine di direzione. Mi dice pure che, prima di partire da San Marco, chiese a voi il permesso di potermi scrivere. Voi intanto a me cosa dite al riguardo?
In quanto al padre Agostino me ne ha già dato il permesso. Attendo su tutto una risposta.
Vi bacio la mano; e voi pregate per me e beneditemi sempre.
Vostro ubbidientissimo figliuolo fra Pio, cappuccino.
(Epist. I, 807)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 156 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200