EPISTOLARIO - pag. 16

Fra Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 1 ottobre 1910
Mio carissimo padre,
vari giorni li ho passati più male del solito colla salute, e questa appunto è stata anche la cagione che mi ha impedito di scriverle anche prima. Oro poi approfittando dell'occasione di sentirmi un tantino meglio, l'invio la presente per darle le mie nuove.
Non ho poi come ringraziare il nostro caro Gesù, che tanta forza e coraggio mi dà nel sopportare non solo le tante infermità che mi manda, ma ancora le continue tentazioni, che egli purtroppo permette, e che di giorno in giorno vanno sempre moltiplicandosi. Queste tentazioni mi fanno tremare da capo a piedi di offendere Iddio.
Spero che l'avvenire sia almeno simile al passato, cioè di non rimanerne vittima. Padre mio, questa pena è per me troppo forte. Mi raccomandi al Signore affinchè si degni di cambiarmela, anche raddoppiandomela, con qualunque altra. Debbo però confessare che son contento anche in mezzo a queste afflizioni, poichè grandi sono ancora le dolcezze che il nostro buon Gesù mi dà a gustare quasi tutti i giorni.
Dica ancora, padre mio, a Gesù che mi scarceri presto dai lacci di questo corpo mortale. Mi scriva, poichè mi fanno tanto bene i suoi consigli e mi dica ancora ciò che Dio vuole da questa ingrata creatura.
Ogni mattina prego per lei, affinchè abbia pazienza ancora un po' con me. Oh quante cose avrei da dirle, ma non ne posso più.
Mi faccia la carità di mandarmi qualche libro di devozione, ed avrei gran desiderio di leggere la vita del beato Gabriele passionista. Un'altra carità vengo a dimandarle che sarebbe quella di essere dispensato di applicare qualche messa di meno di quelle cinque, che mensilmente applico per lei, essendo troppo le spese che questi buoni benefattori sostengono per me, trovandosi essi presentemente troppo corti a quattrini. Certo se la famiglia sapesse della carità che le chieggo si dispiacerebbe di certo.
Si abbia gli ossequi dell'arciprete e della mia famiglia ed intanto di lontano non cessi di benedirmi.
Il suo fra Pio

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 16 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200