EPISTOLARIO - pag. 161

Padre Pio a padre Agostino
San Giovanni Rotondo, 27 settembre 1916
Mio carissimo padre,
Gesù continui a proteggervi sempre ed a guardarvi come cosa tutta sua!
All'avvicinarsi delle feste del nostro serafico padre, più vivo si fa sentire nell'animo mio il dolore proveniente dal vostro distacco. Mio Dio! Quando vorrete riunire le sparse membra del poverello d'Assisi?
Il considerare che questo giorno non spunterà senza un grave contrasto, mi fa spasimare dal dolore. Ma viva Iddio, che non lascia giammai senza conforto l'anima che confida e spera in lui.
Come augurarvi adunque quest'anno la festa di questo nostro padre, se non col supplicarlo a che vi conforti sempre e vi facci sembrare meno dura la presente prova?
Accettate, caro padre, questo caldo augurio che parte dal fondo del mio cuore. Vi prego poi a non angustiarvi per l'avvenire. Gesù è con voi, e tutte le anime a noi unite, sono con Gesù e davanti a lui perorano a vostro vantaggio. Coraggio, mio buon padre; troppo buono è Gesù ed abbastanza ve ne ha fatto esperimentare i frutti soavi di questa sua bontà. A che dunque temere? Gesù non potrà venire meno alle promesse fattemi a vostro vantaggio. Egli ci ha ascoltato finora; e questa è caparra di ciò che sarà in avvenire.
Sforzatevi di vincere e reprimere in voi queto soverchio timore, altrimenti, padre, Gesù non vi sorriderà. Posso io promettercelo a Gesù a nome vostro? Io già gli ho detto di sì. Voi ratificate ciò che il vostro figliuolo ha fatto in nome vostro. Se ho fatto male, correggetemi.
Del resto, voi mi appartenete ed ho tutto il diritto di patteggiare con Gesù, anche nell'insaputa vostra. A lui mi sono offerto per voi in qualità di vittima, e perciò il mio agire non può non essere giustificato. A che dunque sacrificare, quando verrebbe frustrato il fine del sacrificio?
Vivete calmo e riposatevi sul divin Cuore, senza timore alcuno poichè qui si è ben riparato dalle tempeste, e nemmeno la giustizia di Dio qui può arrivare.
Ringrazio poi Gesù e voi dell'assidua vostra corrispondenza e solo mi rattrista il non poter dare sempre ad essa riscontro, per ragioni non ignorate da voi.
Annita è da più giorni che trovasi a roma; ella m'incarica d'assicurarvi che pregherà sempre per voi. Quell'anima di Morra Irpina mi dice di ossequiarvi da parte sua e non cessa di raccomandarvi a Gesù. La poverina richiede in cambio che la benediciate sempre, anche di lontano. Anche quell'anima di San Marco, a cui mi faceste scrivere, mi risponde profondendosi in ringraziamento e in benedizione pel sollievo ricevuto per le mie assicurazioni fattele. Sia ringraziato Gesù!
Del mio spirito non posso dirvi niente, solo vi dico che la cosa è quasi al colmo e no ne posso quasi (più). Non so, padre mio, dove devo posare questo mio cuore. Pazienza. Il provinciale sta esercitando con me l'ufficio del severo giudice. Sia fatta la divina volontà.
Arrivederci, padre, quando e dove Iddio vorrà; beneditemi sempre.
Vostro figliuolo fra Pio, sacerdote cappuccino.
Non saprei quando sarò di ritorno a Foggia, vi terrò avvisato a suo tempo.
(Epist. I, 824)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 161 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200