EPISTOLARIO - pag. 176

Padre Pio a padre Agostino
San Giovanni Rotondo, 4 aprile 1917
Mio carissimo padre,
quale augurio debbo presentarvi quest'anno per l'imminente festa del redentore?
Avrei da un lato preferito di farlo passare queste feste nel silenzio, essendo il cuore ripieno di amarezza per il prolungamento della prova, ma da un altro lato sento vivo il dovere di dirvi qualche cosa.
Ma dove dunque trovare questo augurio? Non mi č possibile trovarlo nč in me nč intorno a me, ma soltanto lo trovo nella religione.
Gesų quindi continui a possedere completamente il vostro cuore, che il mio ama come se stesso, fino alla completa trasformazione in lui nella celeste Gerusalemme; adempia egli i suoi santi disegni su di voi, vi dia sempre forza di fare la sua santa volontā e vi abbia sempre come tutto suo!
Questo augurio che vi viene offerto da un cuore immolato tutto per la vostra salute accettatelo, o buon padre, e vi conforti e sorregga nella prova durissima, alla quale il cielo vi sottopone.
Vorreste da me sapere quando cesserā questo flagello di Dio. Ma cosa debbo dirvi, o mio buon padre? Non so il tempo prefisso, ma colla morte nel cuore debbo sottoporvi che la prova č lunga assai.
Del resto ravviviamo sempre la nostra fede ed esclamiamo anche noi coll'umile paziente dell'Idumea: Signore, mettimi vicino a te, in modo che io senta la tua presenza, come tu sei vicino a me per assenza; e poi si scateni pure contro di me l'inferno tutto, che io non temo, che io non pavento.
Ricevo l'ultima vostra e dalle assicurazioni, che in questa me ne fate, ho provato un relativo sollievo, privo perō di ogni affetto dolce. Ma in tutto si faccia la volontā di Dio.
Perdonate, padre, se chieggo ancora spiegazioni. In questa ultima vostra mi dite che le vostre assicurazioni, come quelle che mi da il padre provinciale, valgono per tutte quante le mie azioni e per sempre e per dovunque ed in tutto e per tutto. Ditemi, padre, tali assicurazioni riguardano tanto quelle fattemi per l'addietro, come pure quelle che mi verranno fatte in seguito?
Addio, padre, beneditemi sempre
Fra Pio
(Epist. I, 883)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 176 di 200

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200