EPISTOLARIO - pag. 19

Fra Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 29 dicembre 1910
Mio carissimo padre,
avvicinandosi il santo Natale, un obbligo di coscienza par che m'impone di non farlo passare senza augurarglielo pieno di tutte quelle celesti consolazioni, che il suo cuore desidera. Sebbene in ogni tempo io abbia pregato per lei, che fu e sarà la persona da me tanto amata, in questi giorni però non mancherò ancora di raddoppiare le mie preghiere al celeste Bambino, affinchè voglia degnarsi di preservarla in questo mondo da ogni disgrazia, massimamente dalla disgrazia di perder Gesù Bambino.
La mia mal salute seguita il suo corso con i suoi alti e bassi. Soffro, è vero, e soffro assai, ma son lietissimo perchè anche in mezzo al soffrire non cessa il Signore di farmi sentire una gioia inesprimibile.
Se non fosse, padre mio, per la guerra che il demonio mi muove continuamente, sarei quasi in paradiso; mi trovo nelle mani del demonio, che si sforza di strapparmi dalle braccia di Gesù. Quanta guerra, Dio mio, mi muove costui! In certi momenti poco manca che non mi vada via la testa per la continua violenza che debbo farmi. Quante lagrime, quanti sospiri, padre mio, indirizzo al cielo per esserne libero. Ma non importa, io non mi stancherò di pregare Gesù. E' vero che le mie preghiere son degne piuttosto di castigo, che di premio perchè troppo ho disgustato Gesù coi miei innumerevoli peccati; ma alla fine si muoverà a pietà di me o col togliermi dal mondo e chiamarmi a sè, o col liberarmene; e se nessuna di queste due grazie vorrà concedermi, spero almeno che vorrà continuare a concedermi la grazia di non cedere alle tentazioni. Gesù non ha misurato il sua sangue per la salvezza dell'uomo, vorrà forse misurare i miei peccati per quindi perdermi? Credo che no. Egli presto e santamente si vendicherà col suo santo amore verso la più ingrata delle sue creature.
E lei che ne dice di ciò? Glielo dica anche lei a Gesù, che gliela manterrò si la promessa di non più disgustarlo, che anzi mi sforzerò di sempre amarlo.
Mi benedica, e sono
il suo povero fra Pio.
Ho bisigno di un cingolo, mi raccomando alla sua carità

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 19 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200