EPISTOLARIO - pag. 43

Padre Pio a Padre Agostino
Pietrelcina, 1 maggio 1912
Babbo carissimo,
oh! le joli mois que le mois de mai! C'est le plus beau de l'annèe. Si, padre mio, questo mese come predica bene le dolcezze e la bellezza di Maria! La mia mente nel pensare agl'innumerevoli benefici che ha fatto a me questa cara mammina mi vergogno di me stesso, non avendo guardato mai abbastanza con amore il di lei cuore e la di lei mano, che con tanta bontà me li compartiva; e quel che più mi da afflizione è di aver ricambiato le cure affettuose di questa nostra madre con tanti continui disgusti.
Quante volte ho confidato a questa madre le penose ansie del mio cuore agitato! e quante volte mi ha consolato! Ma la mia riconoscenza quale fù?... Nelle maggiori afflizioni mi sembra di non aver più madre sulla terra; ma di averne una molto pietosa nel cielo. Ma quante volte il mio cuore fu calmo, tutto quasi dimenticai; dimenticai quasi perfino i doveri di gratitudine verso questa benedetta mammina celeste! Il mese di maggio per me è il mese di grazia, e quest'anno spero di riceverne due sole. La prima vorrei che mi prendesse con sè oppure, anche vivendo, essere cambiate per me in amarezze tutte la consolazioni della terra, purchè non mi faccia più vedere quelle facce patibolari di quei... L'altra grazia che desidero è che mi faccia... voi mi capite padre mio.
Quest'ultima grazia non ardisco più chiedergliela, perchè se ne dispiace e mi nasconderebbe di bel nuovo il suo bel viso, come fece altre volte. Povera Mammina, quanto bene mi vuole. L'ho constatato di bel nuovo allo spuntar di questo bel mese. Con quanta cura mi ha ella accompagnato all'altare questa mattina. Mi è sembrato ch'ella non avesse altro a pensare se non a me solo col riempirmi il cuore tutto di santi affetti.
Un fuoco misterioso sentivo dalla parte del cuore, che non ho potuto capire. Sentivo il bisogno di applicarci del ghiaccio per estinguere questo fuoco che mi va consumando.
Vorrei avere una voce si forte per invitare i peccatori di tutto il mondo ad amare la Madonna. Ma poichè ciò non è in mio potere, ho pregato, e pregherò il mio angiolino a compiere per me questo ufficio.
Il demonio seguita a terrorizzarmi; e dietro che voi scriveste che forse alla metà del mese corrente ci rivedremo, mi va intimorendo col dire che mi deve distruggere. Glielo permetterà Gesù? O babbo mio, son pronto a tutto: ma spero che Gesù non gli darà questo permesso.
Scrivendo al padre provinciale siete pregato di fare le mie scuse se non gli scrivo spesso, come è mio dovere, poichè Dio sa quanto mi costa scrivere un po'!
Ho ricevuto l'elemosina delle messe e grazie infinite ve ne rendo. La pioggia ha ridato o no la gioia, almeno in parte ai poveri pugliesi, non è vero?
Pregate per me e benedite spesso il vostro povero discepolo
fra Pio. (Epist. I, 275)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 43 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100