EPISTOLARIO - pag. 5

"Appena mi metto a pregare tosto mi sento il cuore invaso da una fiamma di un vivo amore; questa fiamma non ha nulla a che vedere con qualsiasi fiamma di questo basso mondo. E' una fiamma delicata ed assai dolce che strugge e non dà pena alcuna. Essa è sì dolce e sì deliziosa che lo spirito ne prova tale compiacenza, e ne rimane sazio in tal guisa da non perderne il desiderio; ed oh Dio! cosa al sommo meravigliosa per me e che forse non arriverò mai a comprendere se non nella celeste patria. Questo desiderio lungi dal togliere la sazietà dell'anima la va sempre più raffinando. Il godimento che sente l'anima là nel suo centro piuttosto che rimanere diminuito dal desiderio, rimane sempre più perfezionato; lo stesso dicasi del desiderio di sempre godere di questa vivissima fiamma, poichè tal desiderio non viene ad essere estinto dal godimento, ma rimane dallo stesso godimento moltissimo raffinato. Di qui comprenderete che si vanno sempre più rarefacendo le volte in cui io possa discorrere coll'intelletto a giovarmi dell'ufficio dei sensi. Non so se son riuscito a farmi intendere, non saprei meglio spiegarmi. L'anima posta dal Signore in tal stato, arricchita di tante celesti cognizioni dovrebbe essere più loquace; eppure no, essa è diventata quasi muta. Non saprei se questo sia un fenomeno che si avvera in me solo. Con termini assai generici, ed il più delle volte vuoti anche di senso, riesce l'anima ad esprimere qualche particella di ciò che in lei lo sposo dell'anima va operando". (Epist. I, 461 s.)

* * * * *

"Io non ho cessato mai e nè cesserò di pregare il dolcissimo Iddio per te, acciocché a lui piaccia compiere in te la sua santa opera, cioè il buon desiderio e disegno di avviare alla perfezione della vita cristiana; desiderio il quale tu devi amare e nutrire teneramente nel tuo cuore, come opera dello Spirito Santo ed una scintilla del suo fuoco divino". (Epist. III, 708)

* * * * *

"Poni dolcemente il tuo cuore nelle piaghe di nostro Signore, ma non a forza di braccia. Abbi una gran confidenza nella sua misericordia e bontà, che egli non ti abbandonerà mai, ma non lasciare per questo di abbracciarti alla sua santa croce ". (Epist. III p. 839)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I, corrispondenza con i direttori spirituali ed Epistolario III a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 1973, 2^ edizione

Pagina 5 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200