EPISTOLARIO - pag. 54

Padre Pio a padre Agostino
Pietrelcina, 3 dicembre 1912
"Mio carissimo padre,
vorrei per un solo istante scoprirvi il mio petto per farvi vedere la piaga che il dolcissimo Gesù amorosamente vi ha aperto in questo mio cuore! Esso finalmente ha trovato un amante che si è talmente invaghito di lui, che non sa più inasprirlo.
Questo amante voi già lo conosciete. E' un amante che non si adira mai con chi l'offende. Infinito è il numero delle misericordie di lui che il mio cuore porta con sé. Esso riconosce di non avere propio nulla di che gloriarsi daventi a lui. Egli mi ha amato; a tante creature ha voluto prepormi.
Egli allorché gli domando che cosa ho fatto per meritarmi tante consolazioni, lui mi sorride e mi va ripetendo che a tanto intercessore nulla si nega. Mi chiede in ricompensa solo amore; ma non lo debbo a lui forse questo per gratitudine?
Oh potessi, padre mio, un pò contentarlo nello stesso modo che lui contenta me! Egli si è talmente invaghito del mio cuore, che mi fa arder tutto del suo fuoco divino, del suo fuoco di amore. Che cosa è questo fuoco che mi investe tutto? Padre mio, se Gesù ci rende così felici in terra, che sarà nel cielo?!
Mi vado alle volte domandando se vi siano delle anime che non si sentono bruciare il petto del fuoco divino, specialmente allorché si trovano dinnanzi a lui in sacramento. A me sembra ciò impossibile, massimamente se ciò riguarda un sacerdote, un religioso. Forse quelle anime che dicono di non sentire questo fuoco, non lo avvertono a causa del loro cuore più grande. Solo con questa benigna interpretazione mi associo ad essi, per non tacciarli della nota vergognosa di menzognieri.
Vi sono momenti che mi si presenta alla mente la severità di Gesù e sono sul momento di affliggermi; mi metto a considerare la sua piacevolezza e tutto ne rimango consolato. Non posso non abbandonarmi a questa dolcezza, a questa felicità... Cos'è, padre mio, quello che sento? Ho tanta confidenza in Gesù, che se anche vedessi l'inferno aperto dinanzi a me, mi trovassi sull'orlo dell'abisso, non diffiderei, non dispererei, confiderei in lui.
Tal'è la confidenza che m'ispira la sua mansuetudine. Allorchè mi metto a considerare le gandi battaglie superate col divino aiuto sopra del demonio, ne conto tante da non potersi enumerare.
Chi sa quante volte, se lui non mi avesse stesa la mano, la mia fede avrebbe vacillato, la mia speranza, la mia carità venuta meno, il mio intelletto si sarebbe oscurato, se Gesù, sole eterno, non l'avesse illuminato!!!
Riconosco purtroppo essere tutto opera del suo amore infinito. Nulla egli mi ha negato, anzi tengo a dichiarare che mi ha dato più di quello che gli ho dimandato.
La vostra ultima lettera, pervenutami il 29 ultimo scorso mese, ebbe anche una fine non tanto bella. Essa venne aperta anche alla presenza dell'arciprete, ma cosa vi trovammo? Un foglio da lettera in bianco. Se ignorassi la strana guerra di quel cosaccio, sarei per dimandarvi se vi fosse stato un errore da parte vostra.
Vi do poi una consolante notizia: il 27 del mese scorso fecero ritorno dall'America mio padre e mio fratello e si trovano in buona salute. Essi vi porgono assieme a tutti i buoni amici i più affettuosi saluti.
Ricevei le applicazioni e ve ne rendo grazie insieme al padre guardiano. Per adesso non ho bisogno di altro.
Preghiamo, padre mio, affinchè il Signore voglia allontanare dalla chiesa le dense nubi che si aggirano sull'orizzonte della chiesa.
Fra Pio"
(Epist. I, 316)

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 54 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100