EPISTOLARIO - pag. 8

"Gesù glorificato è bello; ma quantunque egli sia tale, sembrami che lo sia maggiormente crocifisso". (Epist. III, p. 304)

* * * * *

"Passa oltre, te ne prego; pensa a quel grande abbandono che soffrì nostro Signore nell'orto degli Olivi, ed osserva questo amato Figliuolo, il quale dimanda al Padre qualche sollievo, ma conoscendo che il Padre non vuole accordarglielo, più non ci pensa nè si affretta a chiederlo, ma come mai lo avesse preteso, egli intrapende valorosamente e coraggiosamente l'opera della nostra redenzione. Nei momenti di estremo sconforto prega anche tu il celeste Padre che ti conforti, che ti consoli; se a lui non piace farlo, non ci pensare, ma rianimati di nuovo coraggio ed intraprendi l'opera della tua salute sulla croce, come se giammai dovessi discendere e che mai dovessi vedere rasserenata l'aria per te." (Epist. III, p. 830; cf; anche p. 260)

* * * * *

Padre Pio a padre Benedetto
Pietrelcina, 22 gennaio 1910
Molto reverendo padre,
le spese di medicine in questo mese ascendono a lire 17,60. Lo stato poi di mia salute, gerazie al cielo, procede benino, massime circa lo stomaco.
Da gran tempo mi sto sforzando di soffocare nel mio cuore un vivissimo desiderio, ma lo confesso, che tutti questi miei sforzi non sono riusciti ad altro se non che a sempre più accenderlo. Quindi voglio questo desiderio confidarlo a chi può appagarlo.
Molte persone, alle quali credo che siano note le ultime decisioni della santa Sede, mi hanno assicurato che se lei chiedesse la dispensa per la mia ordinazione, esponendo il mio presente stato di salute, tutto sarebbe ottenuto.
Se adunque, o padre, dipende tutto da lei, non mi faccia più desiderare un tale giorno!
Così se il sommo Iddio per sua misericordia ha stabilito di perdonare le sofferenze al suo corpo, mediante la rabbreviazione del mio esilio sulla terra, come spero, morrò contentissimo, poichè non mi lascia altro desiderio qui in terra.
Spero che le mie suppliche rivolte e dirette ad un padre che consola, non abbiano a rimanere senza effetto. Intanto ella compatirà alla mia indiscreta modestia.
La ossequio e le bacio la mano e chiedendole umilmente la sua paterna benedizine, mi ripeto
il suo ubbidientissimo fra Pio.

* * * * *

Tratto da: PADRE PIO DA PIETRELCINA, Epistolario I a cura di Melchiorre da Pobladura e Alessandro da Ripabottoni, San Giovanni Rotondo 2004, 4^ edizione

Pagina 8 di 100

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161 - 162 - 163 - 164 - 165 - 166 - 167 - 168 - 169 - 170 - 171 - 172 - 173 - 174 - 175 - 176 - 177 - 178 - 179 - 180 - 181 - 182 - 183 - 184 - 185 - 186 - 187 - 188 - 189 - 190 - 191 - 192 - 193 - 194 - 195 - 196 - 197 - 198 - 199 - 200